legger_oh_2016+ mini

Quando vincere non è prendere ma dare

SETTIMO CONCORSO INTERNAZIONALE
BANDO 2019 – Sezione adulti

Legger_oh_2019-Adulti

Contratto di Edizione per il vincitore (vincitori)

Art. 1 – Obiettivi

L’Associazione Culturale di Volontariato “Libris in Fabula” bandisce la settima edizione del concorso internazionale “Legger, oh!” per diffondere la cultura della letteratura illustrata per ragazzi promuovendone la lettura e la diffusione sul territorio e, al contempo, per sostenere l’editoria del settore. A tale scopo, attraverso il Concorso si propone una ulteriore finalità etica in nome della solidarietà: individuare le Biblioteche scolastiche, facenti parte del cratere sismico 2009 e quelle del territorio del sisma del 2016 in centro Italia e di qualunque altra parte del mondo danneggiate da eventi catastrofici, da dotare di libri illustrati per ragazzi acquistandoli, ogni anno, da editori selezionati per l’alta qualità dei loro prodotti tramite il contestuale Premio Nazionale Editoria Ragazzi “EditoRE”;

Art. 2 – Chi può partecipare

Il Concorso è dedicato a tutti gli scrittori, illustratori e grafici che si occupano di creare albi illustrati per l’infanzia. Sono ammessi a partecipare anche allievi di accademie e corsi di illustrazione e grafica e comunque tutti gli appassionati della materia che abbiano superato i diciotto anni.

Art. 3 – Premi

Il primo Premio consisterà nella pubblicazione dell’albo vincitore a insindacabile giudizio della Giuria, la presentazione del libro e la mostra di illustrazione personale nel corso del Festival. Attestati di merito e una fornitura di libri del valore di copertina di € 150,00 andranno suddivisi in tre premi: miglior testo, migliore illustrazione, migliore grafica, anche se coincidesse con il/i vincitore/i. Un ulteriore montepremi è costituito da una fornitura di libri del valore di copertina di € 350,00 che saranno destinati alla biblioteca scolastica di una Scuola svantaggiata segnalata dal vincitore, come indicato nell’art. 1 (vedi anche elenco nella scheda di iscrizione). I menzionati e segnalati riceveranno un attestato con le note di merito. Il Concorso fa parte integrante del progetto “Liber L’Aquila – Festival della Cultura per Ragazzi – ottava edizione” nel corso del quale ci saranno le premiazioni e l’esposizione delle opere selezionate.

Art. 4 – Modalità di partecipazione

Per partecipare al Concorso è richiesta la realizzazione di un prototipo di albo illustrato ispirato al pensiero di Rudolf Erich Raspe, ovvero a uno degli episodi dei viaggi del suo “Barone di Münchhausen” oppure ad altri personaggi ed episodi di propria invenzione seguendo la tematica o lo stile di Raspe; i partecipanti potranno, in alternativa, elaborare un testo con la riscrittura del racconto originale oppure inventare di sana pianta seguendo il tema: Una storia immaginifica e visionaria, raccontata col cuore, diventa vera. L’albo, inedito, dovrà essere realizzato utilizzando i tre linguaggi: testuale, iconico e grafico avvalendosi di un unico autore o di un team formato da scrittore e illustratore o scrittore illustratore e grafico. In ogni caso va indicato l’autore di ciascun linguaggio anche se si tratta della medesima persona. Il prototipo deve essere riproducibile come prodotto editoriale e dovrà pertanto avere un numero di pagine coerente con la stampa e comunque non superiore a 48. Autoprodotto, va realizzato in una forma e dimensione contenuta tra i 10 e i 40 centimetri sia in altezza che in larghezza. L’intero lavoro deve essere assolutamente anonimo e non riportare, in alcuna sua parte, nomi o indicazioni relative agli autori.

Art. 5 – Modalità di invio

Il plico indirizzato e completato con indicazione del mittente dovrà contenere:

1 – il prototipo di libro accompagnato da un foglio anonimo contenente la scheda del progetto allegata e reperibile anche sul sito dell’Associazione: http://www.librisinfabula.it;

2 – una busta sigillata con la scheda di partecipazione debitamente compilata in ogni sua parte. Il plico deve pervenire entro venerdì 30 maggio 2019 ore 18,00; possono essere consegnati a mano o tramite corriere ovvero per posta al seguente indirizzo: Associazione Culturale “Libris in Fabula” – Via Giovanni Falcone 23 – 67100 L’Aquila. Al loro arrivo, i plichi verranno contrassegnati con un numero e resi anonimi per la Giuria.

Art. 6 – La Giuria

La Commissione Giudicatrice è composta da massimi esperti del settore; sarà presieduta “in memoriam” da Livio Sossi, docente di Letteratura per l’infanzia dell’Università di Udine e del Litorale di Capodistria e facente funzione Alfredo Stoppa scrittore e già editore; ne faranno parte Davide Di Lodovico redattore della Editrice Lisciani, Anna Rossi illustratrice e Consigliere Referente Annual “Associazione Autori di Immagini”, Antonella Nuzzaci docente di Pedagogia sperimentale dell’Università dell’Aquila e Enrico Cristofaro, grafico, presidente dell’Associazione “Libris in Fabula”. Le scelte della Giuria, assolutamente insindacabili, saranno effettuate secondo questi parametri: a) congruità dell’opera con il tema; b) qualità testuale; c) qualità iconografica; d) qualità grafica; e) correlazione e funzionalità dei tre linguaggi: testuale iconografico e grafico; f) originalità del progetto; g) accuratezza del prototipo.

Art. 7 – Quota di partecipazione

La partecipazione al Concorso è totalmente gratuita.

Art. 8 – Diffusione dei progetti

L’Associazione “Libris in Fabula” acquisisce la facoltà di pubblicazione e diffusione dei progetti premiati e menzionati attraverso i mezzi di informazione e il web. Essi potranno essere proposti all’attenzione delle Agenzie giornalistiche e Case Editrici per un’eventuale Pubblicazione.

Art. 9 – Cura e tutela degli elaborati

Nonostante le attenzioni che l’Associazione riserverà ai prototipi, gli autori sollevano gli organizzatori da ogni responsabilità per eventuale danneggiamento, furto o incendio degli stessi.

Art. 10 – Premiazione

I libri, oggetto del Premio, saranno scelti dal catalogo dei vincitori del “7° Premio Nazionale Editoria Ragazzi – EditoRe”. La cerimonia di premiazione si terrà a L’Aquila, durante l’ottava edizione di “Liber L’Aquila” il cui programma verrà reso noto a tutti i partecipanti. I premi non ritirati resteranno nella disponibilità dell’organizzazione.

Art. 11 – Restituzione delle opere

La segreteria organizzativa del Concorso tratterrà le opere vincitrici, anche dopo il termine della ottava edizione della manifestazione “Liber L’Aquila”, ai fini di future esposizioni e come oggetto di eventuali laboratori didattici. Tutte le opere saranno conservate quindi presso la Biblioteca “La Tana di Lupoleone” di Pettino, L’Aquila, e potranno essere visionate in ogni momento costituendo una mostra permanente.

Art. 12 – Controversie

Per quanto non precisato o possa causare controversie, la Giuria ha la capacità discrezionale di decidere in merito, anche sulla eventuale suddivisione del Premio in più parti. Art. 13 – Contatti L’iscrizione deve essere fatta da uno degli autori sul modulo allegato oppure on-line sul form pubblicato sul sito istituzionale: http://www.librisinfabula.it Per ulteriori informazioni:

– Segreteria Organizzativa Concorso “Legger, oh!” – Associazione Culturale “Libris in Fabula” Tel. 0862 203640 email: librisinfabula@gmail.com
– Enrico Cristofaro, presidente Associazione Cell. 348 0747694 email: enrico@cristofaro.it
– Donella Giuliani, referente Scuole Cell. 328 8321631 email: donella.giuliani@gmail.com
– Giuliana Cardinale, referente Editori Cell. 347 8851080 email: librisinfabula@gmail.com
Il tema del concorso:

“Una storia immaginifica e visionaria, raccontata col cuore, diventa vera”

«Nessuno al mondo sa raccontare una storia così meravigliosamente bene come so raccontarla io: non per vantarmi». Detto dal più vanesio raccontafrottole della letteratura c’è da crederci. Eppure in questa dichiarazione di intenti, il Barone di Münchhausen, per una volta, non esagera. È vero che sa raccontare le storie, tant’è che sono diventate un classico dell’illuminismo tedesco e della letteratura per ragazzi. E le racconta talmente bene che non importa affatto se sono vere o false, né se chi ascolta ci crede oppure no. In fondo lui non protesta l’aderenza alla verità per le storie che narra ma afferma di essere imbattibile nell’arte del racconto. E su questo non c’è dubbio. Non mancano, è vero, dei passaggi – tra le avventure di guerra, quelle di caccia, di mare, le avventure africane, americane e polari, quelle sulla Luna, sull’isola del formaggio e tutte le altre – nei quali il Barone viene preso dal dubbio che gli ascoltatori possano non prestare fiducia ai suoi racconti. E se ne mostra scandalizzato e amareggiato a tal punto da rendere ancora più paradossale la sua sceneggiata. «Molti viaggiatori – dice – hanno l’abitudine, narrando le loro avventure, di raccontarla molto più lunga di quel che abbiano veduto. Non c’è da stupirsi che i lettori e gli uditori siano qualche volta inclini all’incredulità». Lui è così bravo che a nessuno può venire il dubbio sulla veridicità delle sue avventure. Ancora una volta non perché rispondano al vero, ma perché il trucco – se c’è – sta nell’arte del raccontarle. Insomma, «se devi dire una bugia, dilla grossa» e avrà ottime possibilità di trasformarsi in una verità tonda tonda. La sfrontatezza, l’ostentazione, l’assurdità di certe trame sono gli ingredienti che costituiscono la forza di questo personaggio, che è la trasposizione letteraria di un uomo realmente esistito. Karl Friedrich Hieronymus, barone di Münchhausen (questa l’esatta trascrizione del nome) fu un ufficiale tedesco vissuto tra il 1720 e il 1797. Partecipò per un breve periodo (dal 1740 al 1741) alla guerra dei russi contro i turchi, si stabilì ad Hannover e lì si divertiva a raccontare agli amici avventure di guerra, di caccia, di viaggi del tutto inverosimili. Rudolf Erich Raspe fece una raccolta di quelle storie paradossali tramandate oralmente e Gottfried Bürger diede loro una forma, puntando sull’aspetto poetico e satirico che hanno fatto la fortuna del romanzo e suscitato l’ammirazione dello stesso Voltaire. Le avventure del Barone di Münchhausen non sono solo assurde; sono ironiche e intelligenti, condite di nozioni scientifiche paradossali, che anticipano in qualche modo la fantascienza. Sono eccessive sotto ogni punto di vista, ed è proprio questo eccesso che le rende godibili dall’inizio alla fine. Le storie che racconta non tengono mai d’occhio la verosimiglianza. Il Barone non si cura di aggiungere dei particolari che aggancino le sue avventure al mondo reale, si preoccupa soltanto che ciascuna sia in se stessa coerente. Non c’è avventura che non contenga il suo paradosso e spesso anche più di uno, come nel racconto del freddo tenace che avvolge Pietroburgo, un freddo così esagerato che perfino il sole ha rimediato i suoi bei geloni, che gli astronomi chiamano “macchie solari”. Eppure non c’è irritante compiacimento né odiosa spavalderia nel modo di raccontare le avventure. Il barone di Münchhausen, al contrario, risulta simpatico e, in qualche modo anche modesto quando spiega che cosa gli ha consentito di riuscire in simili imprese. «Furono il coraggio e la presenza di spirito che mi permisero di superare tanti ostacoli. Queste due qualità fanno il buon cacciatore, il buon soldato, il buon marinaio. Tuttavia sarebbe un cacciatore, un ammiraglio o un generale imprudente e degno di biasimo, colui che si rimettesse in tutto e per tutto alla sua presenza di spirito e al suo coraggio, senza ricorrere alle astuzie, agli strumenti, o agli aiuti che potessero assicurare la riuscita della sua impresa». Lo stesso vale per il buon narratore. Non è la verosimiglianza a rendere memorabili e credibili le storie, ma l’abilità del narrarle. Il lettore non si conquista convincendolo, ma facendolo sognare, piangere, divertire.
Hai diverse possibilità:
– fai tuo lo stile di Raspe ed esegui una riscrittura con un esercizio di stile in forma di diario, di attualizzazione, di cambio dei ruoli ecc.;
– inventa una nuova avventura del Barone e scrivila nel tuo stile;
– inventa un nuovo personaggio che viaggi con lo stile e le modalità di Münchhausen; scegli un modo tutto tuo perché la storia sia immaginifica e visionaria ma raccontala col cuore e vedrai che, per magia, diventa vera.

SCHEDA DI ADESIONE SETTIMO CONCORSO “Legger, oh!” 2019 – SEZIONE ADULTI

 

SCHEDA DI PROGETTO SETTIMO CONCORSO “Legger, oh!” 2019 – SEZIONE ADULTI

 

Informativa ex art.13 del Regolamento UE 2016/679 (GDPR) ed ex art. 13 D.lgs. 196/2003 (Privacy)
I dati personali forniti contattando “Libris in Fabula” saranno da questa utilizzati al solo scopo di fornire le informazioni richieste.
I dati personali forniti contattando”Libris in Fabula” saranno trattati da:
Associazione Culturale di Volontariato “Libris in Fabula” ONLUS
Via Giovanni Falcone, 23
67100 L’Aquila
E-mail: librisinfabula@gmail.com
Tel. 0862362495 – 0862361084
L’Associazione “Libris in Fabula” non cederà a terzi i dati personali raccolti.
L’utente ha il diritto di conoscere, cancellare, rettificare, aggiornare, integrare, opporsi al trattamento dei dati personali forniti nonchè esercitare gli altri diritti riconosciuti dall’art. 7 del D.L. 196/03 e dall’art. 15 del Regolamento UE 2016/679, per far valere i quali potrà rivolgersi al Titolare del Trattamento dei dati, ovvero a Libris in Fabula a uno dei recapiti suindicati o ai recapiti indicati nella pagina dei Contatti.
Cookie Policy – Utilizzo dei Cookie
(informativa conforme al Provvedimento del Garante Privacy del 8 Maggio 2014)
Libris in Fabula, titolare del trattamento dei dati personali, informa che questo Sito internet fa uso di cookie. Utilizzando il nostro sito web, l’utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookie espressi in questo documento.
Che cosa sono i cookie?
I cookie sono file di testo che contengono pacchetti di informazioni che vengono memorizzati sul computer o sul dispositivo mobile dell’utente tutte le volte che visita un sito online attraverso un browser. Ad ogni successiva visita il browser invia questi cookies al sito web che li ha originati.
I cookie sul nostro sito
Questo sito fa uso di cookie tecnici e di cookie analitici di terze parti che raccolgono in maniera aggregata informazioni sul numero di utenti e su come questi visitano il sito.
Questo sito non fa uso di cookie di profilazione (cookie traccianti).
Per maggiori informazioni sui cookie si prega di visitare le seguenti pagine:
– https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
– http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3585077
– http://www.garanteprivacy.it/cookie
Annunci