L'immagine può contenere: una o più persone
Sandra Antonelli

Collana di albi “Le Macchioline di Arkhé”:

“Le avventure di PorcoGino” di A. Panella e S. Antonelli

Descrizione

Siete mai stati nel Parco di Scrocchiaforte?

È un posto come un altro ma con una specialità: l’unica bocciofila nelmondo-che-potete-vedere-con-i-vostri-occhigestita da PorcoGino, protagonista di una lunga storia, suddivisa in episodi, derivati dai racconti che l’autore faceva a suo figlio inventando di volta in volta personaggi, situazioni, ambienti.

Oltre al campetto di bocce, PorcoGino gestisce anche un piccolo ristoro, per rifocillare i porcelli accaldati e schiacciare un pisolino di tanto in tanto, quando il caldo afoso toglie ogni spirito d’iniziativa.

C’è un problema però: i porcelli che frequentano Scrocchiaforte sono “più rissosi delle cimici” e molto spesso si accapigliano, anche per futili motivi; diciamo che non hanno proprio un comportamento esemplare nelle relazioni sociali e basta un nonnulla per darsele di santa ragione.

PorcoGino, grazie ad un paio di pelosi occhiali magici, sa riconoscere le giuste cause e trova sempre il modo di mettere pace e – soprattutto – di rendere ragionevoli i focosi suini, con una saggezza e una pazienza davvero esemplari, anche se pure lui le prende sempre, finendo “saccagnato” di botte ad ogni episodio.

Eppure lentamente, con grande costanza, il duro lavoro del saggio occhialuto porterà i suoi frutti: presto o tardi i porcelli riusciranno a finire una partita senza dover ricorrere alla scatola dei cerotti.

“L’incredibile storia di Croo e Proo e del perché dormono con te” di S. Antonelli.

Descrizione

“Parlare della morte al bambino non è facile e non c’è un modo giusto, ma evitare di parlarne è un modo per sottrargli dignità […] Il bambino ha bisogno di sapere, di conoscere. È bene e necessario quindi, stringere con lui un ‘patto di comunicazione’, stargli vicino per aiutarlo ad affrontare e a capire che è libero di comunicare come si sente, che può fare qualsiasi domanda e che voi farete il possibile per rispondere […] E quando accadrà sarà importante che voi lo facciate fornendo informazioni precise e adatte all’età del bambino, con un linguaggio che sia per lui comprensibile.” Leonardo Magalotti psicologo, psicoterapeuta (estratto dalla rivista Formazione in Psicoterapia Counseling Fenomenologia)

Forse potranno aiutarvi questi due piccoli amici che, nella morte, trovano libertà e felicità; decidono poi di popolare i sogni dei piccoli amici e di sonnecchiare per sempre sui loro cuori.

Presenti gli autori, l’editore Paolo LeoneRisultati immagini per paolo leone arkhé

e Carla Tiberi, psicologa.

Carla Tiberi

Psicoterapeuta in formazione Scuola Europea di Psicoterapia Funzionale.
Psicologa con indirizzo Clinico e Dinamico e Brain Trainer di stampo neuropsicologico e multidisciplinare mi occupo di:
– consulenza psicologica per minori, preadolescenti e adolescenti, adulti, genitori e coppie (ansia, disturbi dell’umore, difficoltà relazionale, disagio lavorativo, separazione, gestione dei figli in età adolescenziale o infantile, disturbi dell’alimentazione, perdita del lavoro);
– valutazione neuropsicologica età senile;
– potenziamento cognitivo;
– educazione alla salute (invecchiamento attivo e prevenzione delle patologie degenerative);
– riabilitazione post lesioni cerebrali di diversa natura o attivazione cognitiva per patologie degenerative di lieve o moderata significatività clinica;
– potenziamento cognitivo nei bambini in età scolare ( orientamento scolastico, motivazione allo studio, metodi di studio personalizzati, disagio scolastico) ;
– miglioramento delle prestazioni mentali in tutti gli ambiti lavorativi dirigenziali o di subordinazione;
– consulenze psicoeducazionali per il caregiver in base al metodo di Ian Falloon;
– consulenze di orientamento e informative per la gestione delle malattie degenerative dell’età senile (disbrigo pratiche; gestione paziente; informazioni sulla malattia);
sostegno psicologico e crescita personale età adulta e senile.