Bessoni e Pinocchio
Stefano Bessoni con un suo “puppet” di Pinocchio

Il sito

Rassegna stampa

Nato a Roma il 14 settembre 1965) è un regista, illustratore e animatore stop-motion italiano. La sua formazione in campo artistico avviene sotto la guida dell’incisore napoletano Mario Scarpati. Dopo aver frequentato per alcuni anni un corso di laurea in scienze biologiche, sviluppando particolare interesse per la zoologia e l’anatomia, si è poi diplomato presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. Dal 1989 ha realizzato numerosi film sperimentali.. Dal 1990 al 1998 ha lavorato per alcune società di produzione televisiva come operatore, direttore della fotografia e montatore. Dal 1998 al 2001 ha collaborato con il regista Pupi Avati, in qualità di assistente, storyboard artist e digital effect artist. Nel 1994 il Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari ha pubblicato un suo saggio sul lavoro che ruota intorno alla creazione di un personaggio, dal titolo Attraverso lo specchio. È stato docente di regia cinematografica presso la NUCT a Cinecittà e presso l’Accademia Griffith di Roma. Ha tenuto e tiene numerosi workshop in Italia e all’estero, presso scuole e festival specializzati sia in Italia sia all’estero. Nel 2015, in occasione del centocinquantenario della prima edizione di Alice nel Paese delle Meraviglie, il Museo Luzzati di Porta Siberia a Genova gli ha dedicato un’importante mostra, dove tutte le illustrazioni originali di Alice Sotto Terra e i bozzetti realizzati dal 1989 a oggi, sono messi a confronto con la rilettura del classico carrolliano realizzata da Emanuele Luzzati negli anni novanta. Ha illustrato Alice sottoterra nel 2012 per Logos, Modena.

 

burattino in costruzione
La costruzione del burattino (puppet making)

Workshop di stop-motion e puppet making

La stop-motion funziona esattamente come l’animazione tradizionale, dove ogni variazione di movimento viene prima disegnata e poi fotografata, ma la differenza consiste nell’utilizzo di soggetti tridimensionali snodabili, inseriti in veri e propri set in miniatura, illuminati e gestiti esattamente come nella ripresa dal vero. È una tecnica più diretta e tangibile, con una profondità dimensionale e un impatto fortemente materico. Un tempo la realizzazione di animazioni richiedeva costose e complicate attrezzature mentre oggi, grazie allo sviluppo delle tecniche digitali, per ottenere buoni risultati bastano una fotocamera e un computer.

I miei workshop sono strutturati per insegnare tutti  i segreti dell’animazione stop-motion attraverso una serie di moduli tematici, con diversi livelli di difficoltà e cumulabili in maniera propedeutica, in modo da offrire un vero e proprio corso strutturato per chi intende usufruire dell’intero percorso.

I moduli possono comunque essere frequentati in maniera distinta, poiché ognuno rappresenta un corso completo, per chi intende apprendere solamente alcune tecniche o sistemi professionali.

Sono destinati a persone che intendano intraprendere la stop-motion come percorso professionale, ma anche a studenti di Accademie di Belle Arti, scuole di illustrazione e fumetto, film-maker che vogliono utilizzare questa tecnica come mezzo espressivo. Partendo dalle basi e con un metodo didattico semplice, veloce e pratico, possono essere anche frequentati anche da chi non ha mai fatto nulla precedentemente e intende provare per semplice curiosità, magari dopo essersi entusiasmato per la visione di un film realizzato in stop-motion.

LOCA WSHOP BESSONI
La locandina del Workshop
Annunci